Neuropsichiatria infantile

Valutazioni psicodiagnostiche tramite colloqui con i genitori e insegnanti, Osservazioni di Gioco, somministrazione di Test Proiettivi e Intellettivi.

a titolo esemplificativo un iter diagnostico Neuropsichiatrico base avviene così:

-prima visita: colloquio di reciproca conoscenza con i genitori , se possibile entrambi, con raccolta dati anamnestici e apertura cartella, si definisce insieme l’iter valutativo, può bastare un incontro, o si sceglie di rivedersi ancora senza il minore

-incontro con il minore: osservazione del minore con il gioco libero o del materiale  testale, gli incontri possono variare di numero a seconda del motivo del’invio, ( nel caso di valutazione per Disturbo Specifico dell’apprendimento per esempio si esegue un test Intellettivo come da protocollo diagnostico, e si invia dalla terapista cognitiva per la valutazione Testale specifica)

-incontro di restituzione con i genitori, con la presenza del neuropsichiatra e dello specialista che ha collaborato nella fase di valutazione, si definiscono i tempi e gli obiettivi di una eventuale terapia riabilitativa se ce ne fosse la necessità.

I’iter diagnostico è integrato con i contatti con le insegnanti (telefonici e/o in ambulatorio), dietro espresso consenso dei genitori.

Diagnosi dei disturbi specifici dell’apprendimento e delle difficolta’ scolastiche

La diagnosi dei disturbi specifici dell’apprendimento è condotta seguendo le procedure definite dalla Consensus Conference del 2011 e dalle disposizioni legislative nazionali (legge n°170/2010) e regionali.
La diagnosi è formulata all’interno di una equipe multidisciplinare e prevede quindi l’apporto tecnico di più figure professionali: Neuropsichiatra Infantile, Psicologo e Logopedista.
L’apporto delle diverse figure professionali e il protocollo tecnico adottato variano a seconda della fascia evolutiva e dei bisogni dell’utente.
Ciò che l’equipe dello studio medico L’ARCO propone non è una rigida messa in atto di protocolli uniformi, quanto una risposta attenta e calibrata ai bisogni dell’utente.

Un iter di valutazione può prevedere:

–   Colloquio anamnestico condotto con entrambi i genitori

–   Visita Neurospichiatrica e esame neurologico

–   Valutazione intellettiva strumentale e standardizzata

–   Valutazione delle funzioni cognitive e delle abilità connesse all’apprendimento

–   Valutazione delle funzioni specifiche di apprendimento (lettura/scrittura/calcolo/abilità di studio)

–   Valutazione delle funzioni di linguaggio 

–   Stesura di una relazione finale di sintesi e di un certificato diagnostico

–   Colloquio finale di restituzione con i genitori

 

La relazione di diagnosi è composta da una parte tecnica, con l’esplicitazione dei punteggi ottenuti, e da una parte di consigli didattici operativi rivolti a insegnanti e genitori. L’iter diagnostico e valutativo si conclude con un colloquio con  le insegnanti,  per la condivisione dei risultati.

Ogni attività di colloquio e valutazione è svolto su consenso informato dei genitori o dei tutori legali del minore.

ABILITAZIONE COGNITIVA  PER DIFFICOLTA’ E DISTURBI DELL’APPRENDIMENTO.

Il trattamento per i disturbi dell’apprendimento e le difficoltà scolastiche è condotto con un approccio multidisciplinare, che tiene in considerazione sia aspetti tecnico – funzionali, sia aspetti strategici e metacognitivi, sia aspetti emotivo – relazionali e psicologici.

La figura dello psicologo sincretizza tali aspetti.

All’interno dello studio medico L’ARCO, la presa in carico dei disturbi dell’apprendimento e delle difficoltà scolastiche prevede:

–   Analisi funzionale delle difficoltà di apprendimento e dei punti di forza cognitivi, sia a livello dell’individuo che apprende, sia dei suoi due principali contesti di vita, scuola e famiglia

–   Costruzione condivisa con i genitori di un programma abilitativo individualizzato e “calzante” per lo specifico caso singolo

–   Condivisione con la scuola delle metodologie didattiche e dei significati connessi alla difficoltà o disturbo dell’apprendimento e allo specifico caso singolo

–   Lavoro di rete con le insegnanti per la compilazione del Piano Didattico Personalizzato e il monitoraggio dell’andamento scolastico

–   Abilitazione funzionale con utilizzo di software abilitativi specifici per i disturbi dell’apprendimento e per le funzioni cognitive ad esso connesse; l’abilitazione è condotta con frequenza di 1 o 2vv/sett per cicli di 3 mesi o maggiore

–  Presa in carico metacognitiva e di implementazione delle strategie di lettura, scrittura e studio, per una miglior gestione delle attività didattiche e una miglior compensazione delle difficoltà

–  Colloqui psicologici clinici condotti con il bambino per il supporto emotivo nella gestione della situazione scolastica e delle frustrazioni sperimentate

–  Colloquio clinici con il genitore per l’elaborazione dei significati connessi alle difficoltà scolastiche e per il sostegno nella gestione dei momenti relazionali connessi alla didattica

–   Follow – up e monitoraggio

L’abilitazione cognitiva dei disturbi dell’apprendimento e delle difficoltà scolastiche è condotta con bambini in età scolare e con adolescenti. Il progetto abilitativo è calibrato a seconda della fascia evolutiva.
Tutte le terapie dello studio medico L’ARCO sono monitorate in equipe.
Ogni attività di colloquio e trattamento è svolta su consenso informato dei genitori o dei tutori legali del minore.